tessera sanitaria CONVENZIONATO SSN (Servizio Sanitario Nazionale)


-----------------------------------------------

LISTE D' ATTESA

QR-CODE fattura elettronica

 

qrcode_00925470684

 

{"anag":{"naz":"IT","cf":"00925470684","piva":"00925470684","denom":"LABORATORIO ANALISI CLINICHE CARBONI SRL","domFisc":{"prov":"PE","cap":"65122","com":"PESCARA","ind":"VIALE REGINA MARGHERITA 47","naz":"IT"}},"dtGenQr":"2018-11-29T13:07:36.559+0100","SDI":{"pec":"","cod":"QULXG4S"}}
la Celiachia PDF Stampa E-mail


La celiachia è una intolleranza permanente ad una proteina, "la gliadina", contenuta in un complesso proteico, il glutine,  presente nei semi di molti cereali: quando si ingeriscono alimenti contenenti glutine si scatena una reazione immunitaria nell'intestino tenue che causa il suo danneggiamento e la conseguente inabilità  ad assorbire certi nutrienti dal cibo. Glutine e gliadina sono contenuti in molti tipi di cereali, anche se non in tutti. Per le sue proprietà  colloidali, inoltre, il glutine viene impiegato nell'industria alimentare moderna perchè aiuta a dare elasticità  e consistenza al prodotto finale e favorisce la lievitazione e la panificazione. L'incidenza di questa intolleranza in Italia è stimata in un soggetto ogni 100/150 persone.

Sono comunque indizi di malassorbimento, che possono derivare dalla celiachia, i seguenti:

1.  Perdita di peso
2.  Diarrea
3.  Crampi addominali, flatulenza
4.  Debolezza generale
5.  Feci maleodoranti o grigiastre, grasse o oleose
6.  Difficoltà di crescita nei bambini

DOVE AGISCE IL GLUTINE

L'intestino tenue è un tubo di circa 35 mm di diametro e di 5 m di lunghezza che va dal duodeno al colon. E' la sede principale dell'assorbimento delle sostanze nutritive nel circolo sanguigno. La parete dell'intestino tenue è ricoperta da minuscole sporgenze digitiformi, chiamate villi. La funzione dei villi è quella di assorbire vitamine, minerali e altri nutrimenti dal cibo che viene ingerito. Poichè la prima assunzione di glutine avviene all'epoca dello svezzamento, le manifestazioni della malattia possono insorgere nel bambino molto piccolo, addirittura entro il primo anno di vita. Tuttavia, negli ultimi 20 anni si è osservato un progressivo ritardo dell'età di inizio della malattia e oggi sono frequenti le forme atipiche, che appaiono per la prima volta in giovani/adulti. L'incontro del glutine con le cellule del sistema immunitario, normalmente preposte a difendere l'organismo da virus e batteri, induce queste ultime ad aggredire e danneggiare alcune componenti dell'organismo.

La celiachia è pertanto un disturbo autoimmunitario, in quanto il sistema di difesa per errore attacca come se fosse estraneo ciò che in realtà  è proprio dell'organismo. Un'inefficace assorbimento può privare il cervello, il sistema nervoso, le ossa, il fegato e altri organi, dei nutrimenti necessari, causando carenze vitaminiche che possono portare ad altre malattie. Il deficit di nutrimenti può avere inoltre conseguenze molto gravi nei bambini.

FATTORI DI RISCHIO

Chiunque puè essere affetto dalla celiachia: essa tende ad essere più comune in persone con altri disturbi autoimmuni; inoltre si osserva un'alta familiaritè (se in famiglia ci sono casi simili si è predisposti).

SINTOMI

Non esistono sintomi tipici della celiachia. La maggior parte delle persone affette ha problemi generici come una diarrea intermittente, dolori addominali o magari può anche non manifestare alcun problema gastrointestinale. La celiachia si può manifestare anche in modi meno ovvi, includendo cambiamenti del comportamento come irritabilità  o depressione, disturbi allo stomaco, dolori alle giunture, crampi muscolari, eczemi cutanei, ferite alla bocca, disordini ai denti o alle ossa e movimenti delle gambe e dei piedi (neuropatia).

DIAGNOSI

Se è noto che qualcuno nella famiglia ha la celiachia, conviene effettuare un controllo. Questo soprattutto per evitare le complicazioni derivanti dalla mancata cura della malattia. Visto che chi è affetto da questo disturbo ha un livello di anticorpi maggiori del normale, un'analisi del sangue è il primo passo per aiutare la diagnosi: gli esami adatti consistono nella ricerca dei seguenti anticorpi:

- anticorpi anti gliadina  (Iga, Igm)
- anticorpi anti endomisio
- anticorpi anti transglutaminasi

COMPLICANZE

A causa del danneggiamento dell'intestino causato dal glutine, anche la digestione di cibi che non lo contengono può dare dolore addominale e diarrea. Alcune persone affette da celiachia non sono in grado di tollerare lo zucchero contenuto nel latte (lattosio) e che si trova nei prodotti caseari  (condizione chiamata "intolleranza al lattosio").
Altre complicanze sono:

* sviluppo di calcoli renali (in particolare da ossalato di calcio)
* più alte probabilitè di sviluppare una delle tante forme di cancro, specialmente il linfoma intestinale.
* a lungo termine anemia, osteoporosi e neuropatie periferiche.

TERAPIA

L'unico trattamento efficace è la rimozione dalla dieta degli alimenti contenenti glutine. I vantaggi di una dieta libera da glutine sono notevoli specialmente nei bambini. I loro sintomi fisici migliorano, così come il comportamento e la crescita. Per trattare la malattia e prevenire complicazioni è cruciale evitare ogni cibo contenente glutine. Questo significa evitare tutti i cibi o ingredienti derivati dalla maggior parte dei grani, frumento, orzo, segale e avena inclusi.

 

NOTA! Utilizziamo i cookies per migliorare l'esperienza dell'utente e la qualità del sito. Per saperne di piu sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, leggi la nostra Cookie Policy.

Accetto i cookie da questo sito.